Eventi in programma

Nessun evento

Calendario Eventi

Gennaio 2013
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
 

Cos'è la Psicomotricità?

 

di Federica Garzon

La psicomotricità è una terapia che fa dell’attività motoria lo strumento essenziale per armonizzare lo sviluppo globale della persona: psichico, motorio e affettivo-relazionale.
La lingua italiana definisce la Psicomotricità come “l’insieme di dottrine e pratiche terapeutiche riguardanti interazioni ed integrazioni tra funzioni motorie, sensoriali, e cognitive con particolare riferimento all’età evolutiva (0 – 12 anni)” .
La psicomotricità trova la sua più importante applicazione in ambito Sanitario. Risulta infatti una terapia rivolta prevalentemente all’infanzia e in maniera più specifica a quei bambini che presentano Disturbi Psicomotori (come Iperattività, Inibizione, Disprassia…),Disturbi dell’Apprendimento Scolastico(disgrafia, discalculia…), patologie più gravi come l’ Autismo, Insufficienza mentale lieve o grave, Disturbi della personalità così come quei Disturbi Minori per i quali l’intervento psicomotorio mirato al corpo e al movimento può favorire un miglior adattamento del bambino all’ambiente che lo circonda.
L’attività psicomotoria trova ampio margine di intervento anche in altri ambiti: uno di questi è quello Psichiatrico con adolescenti, adulti ed anziani che presentano disturbi di diversa natura ed entità, ma per i quali è importante un intervento di Mantenimento delle capacità motorie e delle facoltà mentali al fine di potergli garantire un minimo di autonomia personale; o ancora nell’ambito delle tossicodipendenze, dove il fine e gli obiettivi di lavoro si concentrano sul corpo e sulla valorizzazione dell’immagine di sé.
Infine la psicomotricità trova ampio campo d’azione anche in ambito Educativo-Preventivo: nelle scuole Materne, negli asili Nido così come nelle scuole Elementari, ossia in tutte quelle strutture prevalentemente educative nelle quali il bambino si trova a dover apprendere ed imparare gesti motori specifici e nelle quali l’utilizzo della motricità fine necessita di un buon grado di conoscenza e di controllo corporeo.
E’ in questo ambito specifico che la psicomotricità ha trovato il modo di dare un notevole contributo anche al mondo dello sport ed in particolare a quello del calcio!
Lo Psicomotricista è tenuto quindi ad adattare le proprie conoscenze, esperienze e le proprie attitudini lavorative tenendo conto della struttura nella quale si ritrova a prestare servizio. Questo perché l’intervento terapeutico in ambito Sanitario si pone degli obiettivi ben diversi rispetto agli obiettivi da raggiungere in una struttura scolastica.

# Titolo articolo Data
1 L'importanza dello studio del movimento Giovedì 01 Novembre 2012
2 Esperienza personale in un settore giovanile Giovedì 23 Agosto 2012
3 Rapporto tra psicomotricità e calcio giovanile Giovedì 23 Agosto 2012